Non c’è niente di più affascinante del movimento!
L’immagine in movimento.

I laboratori di pre-cinema per le scuole suscitano sempre grande stupore. Sopratutto quando si svela il funzionamento che si nasconde dietro le immagini in movimento, la meraviglia è davvero tanta.
Con il taumatropio, lo zotropio, il flip book o il fenachistoscopio la reazione dei bambini è straordinaria e si esprime sempre con un prolungato “Ooooooooooooohhhh”. Questi strumenti dai nomi impronunciabili sono, in realtà, invenzioni dell’Ottocento. Dette anche macchine del pre-cinema, ovvero sistemi di riproduzione del movimento precedenti alla nascita del cinematografo.

La nostra attività nelle scuole

Siamo tutti abituati e assuefatti dal movimento delle immagini; un effetto che ha richiesto anni e anni di studio e sperimentazioni.
E, dunque, perché non conoscerne la storia?
I laboratori di pre-cinema sono pensati oltre che per svelare i segreti dei giochi ottici anche per ricrearne il funzionamento e ripercorrere le importanti fasi dello sviluppo della società moderna.

Conoscere il pre-cinema significa perlustrare le intuizioni che hanno spinto l’uomo ad andare oltre ogni apparente limite, fino alla rappresentazione fotografica del reale in movimento. Il cinema, la grande invenzione dei fratelli Lumière, è il frutto di sforzi planetari. Alla fine dell’Ottocento, l’idea della rappresentazione del movimento coinvolgeva uomini di scienze di tutto il mondo, ognuno intento a realizzare il sistema, il congegno, più efficiente e definitivo.
Tutte invenzioni che hanno stravolto il modo di guardare la realtà, amplificandola, ingigantendola, sconvolgendola.

 

Perché scegliere i laboratori di pre-cinema a scuola?
Il senso di stupore che scaturisce dai laboratori del pre-cinema spinge i bambini ad accrescere il desiderio di indagare il funzionamento dei giochi ottici fino a riprodurre l’effetto-movimento in totale libertà, secondo la loro immaginazione. La sperimentazione diretta di questi strumenti costituisce un modo alternativo e trasversale per addentrarsi in ambiti disciplinari fondamentali: dalla scienza alla matematica, dalla rappresentazione grafica alla costruzione. I partecipanti al laboratorio del pre-cinema sono automaticamente coinvolti in un processo di analisi deduttiva degli eventi osservati, sul modello di un vero inventore.

Storie in movimento

Il laboratorio di pre-cinema per la scuola è sempre introdotto dal racconto illustrato della storia dei fratelli Lumière. Questa fase narrativa aiuta gli alunni ad addentrarsi in un’epoca ormai lontana, dove né energia elettrica né sistemi di comunicazione e trasporto erano stati ancora introdotti nell’uso quotidiano. August e Louis Lumière sono bambini dell’Ottocento, intelligenti, studiosi, che senza tanti confort tecnologici, hanno realizzato molte invenzioni straordinarie.
Il laboratorio si apre sul confronto tra generazioni diverse, stimola a fare e a pensare, accresce la curiosità dei giovani studenti, prendendo come esempio due fratelli dalla vita ordinaria, ma dalla straordinaria carica creativa .

Il nostro laboratorio introduce attività stimolati e manipolative, poiché i partecipanti sono coinvolti anche nella realizzazione di un lavoro manuale. Possono costruire un taumatropio, realizzare una striscia di immagini in sequenza per lo zootropio o, ancora, disegnare immagini per lanterna magica. Tutte attività che incentivano alla ricerca, alla creatività e al ragionamento causa-effetto, arricchendo la didattica di azioni alternative e pratiche.

Durata del corso: 1 ora a classe
Materiale richiesto: matite, gomme, colori
Il laboratorio può essere abbinato ad altri progetti: Il Piccolo Cinelibro, rassegna sul cinema di animazione in sala